Sei in: Home

Introduzione

Il Santuario per i mammiferi marini PELAGOS è un'area marina protetta internazionale, un vasto tratto di mare costituito da zone marittime situate nelle acque interne e nei mari territoriali della Repubblica francese, della Repubblica italiana e del Principato di Monaco, nonché dalle zone di alto mare adiacenti.

Il Santuario si estende dalla Punta Escampobariou (Punta ovest della penisola di Giens) in Francia fino a Capo Falcone in Sargena e da Capo Ferro, sempre in Sardegna, a Fosso Chiarone in Toscana e tutela una zona da sempre frequentata da cetacei.
Per la sua vasta estensione, per la vincolistica e per l'iter istitutivo, risulta atipica rispetto alle altre aree marine protette italiane.

E’ stata creata ai sensi di un Accordo internazionale tra Francia, Italia e Principato di Monaco del 25 novembre 1999, recepito in Italia dalla Legge n. 391 dell’11 ottobre 2001 di ratifica ed esecuzione dell’accordo.

Physeter macrocephalus
V. PuggioniPhysetermacrocephalus

Le particolari e favorevoli condizioni oceanografiche, in particolare l’abbondanza di alimento abbinata alla varietà di habitat, fanno sì che questa zona sia la prediletta da molte specie di cetacei che si distribuiscono nelle acque del Santuario secondo le loro abitudini eco-etologiche.

Sono una ventina le specie che è possibile avvistare e otto sono considerate specie comuni:

Gli Stati sopracitati si sono impegnati a prendere nel Santuario le misure appropriate per garantire uno stato di conservazione favorevole dei mammiferi marini proteggendoli, insieme al loro habitat, dagli impatti negativi diretti o indiretti delle attività umane.
In questa area protetta vengono svolte attività di ricerca scientifica, di educazione ambientale ed attività turistico-ricreativa, primo tra tutti il whale-watching, secondo un piano di gestione adottato dagli stati membri durante la II Conferenza delle Parti tenutasi presso l’Isola d’Elba il 15-16 settembre 2004.

Il Santuario per i mammiferi marini, per le sue particolarità, è stato inoltre inserito nella lista delle Aree specialmente protette di importanza mediterranea (Specialy Protected Areas of Mediterranean Importance - SPAMIs ) prevista dal Protocollo sulle aree specialmente protette e la diversità biologica nel Mediterraneo (Protocollo SPA) della Convenzione quadro per la protezione dell'ambiente marino e della regione costiera mediterranea (Convenzione di Barcellona), impegnando così i 17 stati ed organismi internazionali aderenti al protocollo, al rispetto della vincolista prevista dalla legge istitutiva.